Skip to content

RESEARCHKOLLEKTIVET.INFO

Annoiarsi? Abbiamo un sacco di cose da intrattenere! Il nostro sito è pieno di giochi, film e persino canzoni mp3.

SCARICARE MSN MESSENGER PROTETTO ITALIANO 8 1


    SCARICA MSN MESSENGER PROTETTO ITALIANO 8 1 - Quinta lezione, dedicata agli strumenti di correzione locale Ho appena fatto l'accesso a Msn. SCARICARE MSN MESSENGER PROTETTO ITALIANO 8 1 - Se utilizzi l'editor del Registro di sistema in maniera non corretta, puoi causare seri problemi che. SCARICA MSN MESSENGER PROTETTO ITALIANO 8 1 - Interrompevo quindi l' installazione e quando andavo a connettermi a Messenger mi usciva un mess. MSN MESSENGER PROTETTO ITALIANO 8 1 SCARICARE - E' possibile esportare la lista contatti di msn in una rubrica per averla in un client di posta? Salve. MSN MESSENGER PROTETTO ITALIANO 8 1 SCARICA - Beh, giacchè ci siete PlayStation Now arriva anche in Italia. C'e' un sito affidabile da dove si puo'.

    Nome: re msn messenger protetto italiano 8 1
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file:16.41 Megabytes

    Back 4 Blood è il nuovo titolo dei creatori di Left 4 Dead ed Evolve. I più letti oggi 1. Ho la nuova versione di msn quella coi riquadri prima dei nomi ed oggi ha deciso di darmi il seguente errore:. Bisogna aggiornarlo per forza per continuare ad usare messenger? Ciao, ragazzi, io uso windows live messengered un amico a cuba usa yahoo messenger. Inoltre programmi come family safety, scaricabile dallo stesso sito di live messenger altri consigli su questi tipi di software sono graditisono consigliabili e possono aiutarmi a capire cosa effettivamente fa mia figlia quando usa protettoo Windows Installer Clean Up che rimuove appunto dal registro i programmi che risultano installati ma che difatto non sono piu presenti nel pc consentendo cosi di reinstallarli Ho consigliato loro una scansione con Malwarebyte Antimalware ma non è servito allo scopo.

    Segui le istruzioni del wizard per installare Messenger. Noterete un sacco di nuove caratteristiche piccole ma importanti,gli eventi recenti dei contatti vengono mostrati nelle finestre di conversazione,la Lista Pulizia Contatti ti permette di visualizzare un elenco dei contatti che si hanno in lista, i suoni casuali possono ora essere aggiunti dalla finestra dei suoni, migliorata la funzionalità delle icone, e molto altro ancora …!

    Vodafone Happy regala 4 mesi di Cinema s Ho provato anche una creative che avevo e Inoltre in giro si trovano diverse installer offline di protehto versione ma non ho trovato nulla sul sito ufficiale Microsoft.

    Con Telegram Desktop arrivava il client desktop nativo, una versione per PC che permette di eseguire il programma in maniera indipendente senza dover ricorrere alla versione web.

    Dispone di un'ampia gamma di funzioni e caratteristiche che sono comuni nei suoi diversi sviluppi , sia nell'APK di Android che nelle sue versioni per dispositivi iOS e iPhone, nella sua app per macOS, nella versione di Telegram online e anche nel client per Linux:. A dire la verità, da un po' di tempo WhatsApp sembra essersi notevolmente impegnato e sviluppato, forse perché i suoi utenti richiedevano l'implementazione di caratteristiche di cui disponevano in app come questa.

    In ogni caso, sai bene che c'è molta flessibilità nelle applicazioni e nella messaggistica e sceglierne una non significa che non puoi anche scaricarne un'altra.

    Comunque, se vuoi qualche buon motivo per scegliere l'applicazione dei fratelli Durov, eccone alcuni:. Questa caratteristica legata alla privacy è stata una delle più apprezzate di tutte. Permette conversazioni discrete ed effimere tra utenti che utilizzano la crittografia end-to-end e che possono essere aperte solo dal destinatario che ha la chiave di autenticazione, e solo una volta.

    È stato motivo di controversia, perché i membri dell'ISIS lo usavano per comunicare. In conclusione, il client desktop raccoglie le diverse funzioni che possiamo trovare negli altri dispositivi, ma adattate al sistema operativo di Microsoft e con una perfetta sincronizzazione tra loro. Windows Comunicazione Messaggistica istantanea Telegram Messenger 1. Requisiti e informazioni aggiuntive:. È necessario collegare all'applicazione un numero di cellulare.

    Erika Cecchetto. Lingue soft. Autore Telegram. Per ottenere la massima com- patibilità con le estensioni del browser più recenti, installa Internet Explorer 7: lo scarichi dal sito Windows Update o dalla sezione Download del sito Microsoft. Dopo aver installato il browser esegui la ricerca degli aggiornamenti relativi alla sicurez- za: fai clic destro sull'icona Risorse del computer e scegli la voce Proprietà, poi apri la scheda "Aggiornamenti automatici" e fai clic sul collegamento "Sito Web Windows Update" per avviare la procedura gui- data d'installazione.

    Se l'aggiornamento del browser non corregge il problema, dovrai disatti- vare tutti i plug-in di Internet Explorer e torna- re alla configurazione "di fabbrica". Per farlo, apri l'icona "Opzioni Internet" che trovi in Pannello di controllo e vai alla scheda Avanzate, poi fai clic sul pulsante Reimposta. Per pulire i file temporanei che potrebbero essersi corrotti, vai alla scheda Generale, fai clic su "Elimina" e poi su "Elimina tutto". Fai clic su ciascuno dei compo- nenti aggiuntivi dell'elenco che non sono stati creati da Microsoft o che ti sembrano sospetti, e poi sulla casella Disabilita.

    Dopo il riavvio del computer potrai di nuovo navigare sul Web. Potreste indicarmi una soluzione? Per esempio, il cavo di alimentazione o quello che collega il lettore alla scheda madre del computer potrebbe essersi scollegato a una delle estremità. A causa di una curva troppo stret- ta, potrebbe essersi spezzato il cavo che trasporta i dati tra scheda madre e lettore: è un problema molto frequente con i cavi SATA.

    Se non vuoi aprire il coperchio del computer per controllare, ti basta fare doppio clic sull'icona Sistema del Pannello di controllo di Windows.

    Vai alla scheda Hardware e fai clic sul pulsante "Gestione periferiche". Per risolverlo fai clic sul pulsante Start, scegli "Esegui" e digita il comando "regedit" seguito dal tasto INVIO con Windows Vista fai clic sul pulsante Windows, digita "regedit" nel campo "Inizia ricerca"; ricorda di preme- re il tasto Invio per confermare il comando e autorizza la sua esecuzione. Fai clic una volta sul valore UpperFilters che si trova nella parte destra della finestra e assicu- rati che la riga sia evidenziata, poi premi il tasto CANC per eliminar- la.

    Ripeti la procedura di elimina- zione per il valore LowerFilters, quindi riavvia Windows. Ricorda di cancellare nuovamente questi valori se reinstallerai il tuo programma di masterizzazione. Puoi ignorarli senza problema, perché si riferiscono ai file del virus che hai già eliminato: li puoi riconoscere facilmente perché quasi tutti i virus recenti tentano di camuffarsi adottando un nome composto da caratteri casuali, che cambia a ogni infezione. Se vuoi eliminare anche i messaggi di errore, devi intervenire sul registro di sistema.

    Fai clic su "Start", sce- gli "Esegui'' e digita il comando regedit seguito dal tasto Invio. Fai clic una volta con il mouse sulla riga che carica il file segnalato nel messaggio di errore e premi il tasto cane per eli- minarla.

    Qualche gior- no fa, mentre navigavo in Rete tramite Internet Explorer, il com- puter è andato in crash. Da quel momento la password del mio account con permessi di ammini- stratore è stata modificata. Ho un disco di ripristino del PC ma purtroppo non ho i permessi necessari sul sistema per utilizzar- lo. Non possiedo invece il CD ori- ginale di Windows Vista. Come posso risolvere il problema? Fai clic sul pulsante Bootdisk del sito Web e scorri la pagina per tro- vare il collegamento che ti permette di scaricare l'archivio zip.

    Decomprimilo su hard disk e masterizza il file con estensione ISO su un CD-ROM, usando la funzione di scrittura immagine del software di masterizzazione. Nel caso di Nero, devi sce- gliere la voce "Scrivi immagine" del menu Masterizzatore. Attendi il caricamento da CD del programma di recupero password e segui le istruzioni per disattivare la password: devi solo accettare le impostazioni predefinite premendo più volte il tasto invio.

    Se il disco di azzeramento pas- sword non ha effetto, non ti resta che smontare temporaneamente l'hard disk per inserirlo in una custodia USB. Collegalo a un altro computer per salvare i dati e documenti impor- tanti, poi reinseriscilo nel tuo PC e reinstalla Windows usando un DVD di ripristino.

    In alternativa dovrai chiedere un DVD di ripristino al produttore del computer o compe- rare la versione aggiornamento di Windows Vista Premium. Usa il suo DVD per reinstallare Windows da capo cancellando l'installazione preesistente , poi scarica dalla sezione supporto tec- nico del sito Web di Acer i driver necessari al tuo computer.

    Possiamo farcela! Avete un problema con il vostro computer o non riuscite a far funzionare correttamente un programma? Per motivi tecnici non possiamo rispondere privatamente né via e-mail, né telefonicamente ai quesiti pervenutici: le risposte vengono fornite solamente tramite pubblicazione sulle pagine della rivista e sul nostro sito Web www. Il mercato ha scelto Blu-ray: ecco come masterizzare i nuovi dischi ad alta capacità.

    Le ragioni di tale ritardo sono moltepli- ci, e la principale è stata forse la guerra con il rivale HD- DVD terminata solo recentemente con la sconfitta di que- st'ultimo. Prima di acquistare un dispositivo Blu-ray o HD-DVD incompatibili tra loro gli utenti hanno infatti preferito attendere che uno dei due si affermasse, per non rischiare di entrare in possesso di un apparecchio a rischio di obsolescenza immediata.

    In più, solo recente- mente si stanno diffondendo i televisori e le videocamere in alta definizione Full HD , gli unici apparecchi in grado di sfruttare appieno le potenzialità offerte dal nuovo sistema. Grazie a questa miniaturizzazione è stato possibile aumentare la capienza dei supporti ottici, pas- sando dai 4,7 Gbyte per strato layer dei DVD ai 25 Gbyte dei BD. In più lo standard prevede dischi dotati di più strati, che possono aumentare notevolmente lo sp di memorizzazione Sony e Hitachi stanno lavorando.

    Come già accennato, fino a pochi mesi fa erano due gli standard in lizza per memorizzare video ad alta defini- 1 5 ottobre zione: HD-DVD e Blu-ray. La storia insegna che tra due sistemi non sempre vince il migliore, ma quello appog- giato dalle aziende più importanti vedi VHS e Betamax. Nel caso del Blu-ray invece è successo, poiché esso risulta tecnicamente superiore all'HD-DVD, non solo per la capacità di memorizzazione 25 Gbyte per strato contro 15 , ma anche per la maggiore velocità di trasferimento dati durante la riproduzione dei filmati.

    A cosa serve il Blu-ray A differenza del Compact Disc, nato per impieghi audio e solo in seguito utilizzato in ambito informatico, il Blu- ray è stato studiato fin dall'inizio per entrambi i settori.

    Da un lato infatti la continua crescita delle dimensioni dei file richiede supporti di memorizzazione sempre più capienti e dall'altro i film in alta definizione necessitano di molti più Gbyte di quelli offerti dai DVD anche a dop- pio strato. In pratica è permesso creare una copia una sola di sicurezza di un CD audio non protetto come la maggior parte di quelli in commercio oppure riversare brani sul proprio lettore MP3 ma non è possibile effettuare le stesse operazioni con un film in DVD o in Blu-ray, poiché è sempre protetto.

    Detto questo, ricordiamo che esistono programmi acquistabili regolarmente su Internet come AnyDVD e DVDFab che sono in grado di superare qualsiasi protezione e di creare una copia illegale, lo ribadiamo del prorio film preferito. Poiché le aziende cinematografiche modificano sistematicamente i metodi di protezione, è necessario aggiornare regolarmente questi applicativi. Apriamo una piccola parentesi per ricordare quanto sia impor- tante avere una copia di riserva delle proprie fotografie digitali poiché, a differenza di quanto succedeva con la fotografia chimica, in caso di guasto del sistema le foto sono perdute - non c'è una pellicola da cui eseguire una nuova stampa.

    Per quanto riguarda il video, fermo restando che le case cinematografiche stanno proponendo un numero sempre maggiore di film anche di catalogo in Blu-ray, il succes- so delle videocamere HD dovrebbe favorire questo stan- dard. Che senso avrebbe effettuare le riprese in alta risolu- zione per riversarle poi su DVD con una qualità inferiore? Questo applicativo è in grado di gestire tutte le risolu- zioni a partire da quella dei tradizionali DVD x per arrivare ai 1.

    BD Acronimo di Blu-ray Disc. È in grado di gestire fino a sei canali audio digita- li anteriore sinistro e destro, posteriore sinistro e destro, centrale e subwoofer Dolby Digital Plus Sistema di codifica audio multicanale che offre una qualità superiore a quella dei DVD e garantisce la compatibilità con gli attuali sistemi home theater. Dolby TrueHD Sistema per la codifica e la compres- sione senza perdita di detta- gli dell'audio multicanale.

    MPEG-2 Standard di codi- fica per la compressione del video digitale adottata dai DVD e dagli attuali apparec- chi video digitali consumer.

    È un sistema di codifica dell'au- dio digitale. È un'interfaccia per il colle- gamento di masterizzatori e dischi fissi al computer. Passo a passo Creare un film in Blu-ray Sfruttando programmi per l'elaborazione video come Pinnacle Studio 12, produrre un disco Blu-ray con le riprese effettuate con una videocamera HD o con le foto delle vacanze diventa un gioco da ragazzi.

    Per sfruttare appieno le potenzialità di questo formato bisogna riprodurre il progetto su un televisore Full HD in alta risoluzione. Quando si inserisce un supporto vergine nel masterizzatore, Studio 12 mostra lo spazio libero in minuti ed eventualmente quello utilizzato.

    Il tempo a disposizione dipende non solo dal tipo di supporto 25 o 50 GByte ma anche dalla qualità video impostata. Più è alto questo valore maggiore sarà la qualità del video. Dipende dalla qualità del filmato, ma di norma si parla, per un disco da 50 Gbyte di un massimo di 9 ore in alta risoluzione e 23 in quella standard. Sono inoltre reperibi- li supporti da 8 cm con una capacità di 7,5 Gbyte, utiliz- zati dalle videocamere HD come l'Hitachi DZ-BD70A, che riescono a registrare ben 60 minuti di video HD in formato p e minuti in i.

    Attualmente il vero punto dolente dei BD è l'elevato prezzo dei suppor- ti vergini anche nei negozi on-line ; è anche difficile procurarsi i dischi da 50 Gbyte. Il BD-R da 50 Gbyte ha un prezzo di Per quanto riguarda la "Compressione audio", Studio 1 2 offre due alternative: Dolby Digitale a 2 o 5.

    È infatti inutile optare per 5.

    È preferibile optare per la prima poi- ché comprime di più senza compromettere la qualità del filmato. Tramite "Opzioni masterizza- zione" si decide se creare subito il Blu-ray "Crea immagine del disco, poi masterizza" oppure se memorizzare l'immagine del BD sul computer e scriverla successivamente. Una finitura professionale Già da diversi anni esistono stampanti in grado di gestire anche i dischi "Printable", supporti ricoperti da uno stra- to di cellulosa bianca. Tra queste periferiche si trovano anche modelli economici, come la Canon Pixma iP e la Epson Stylus Photo R che hanno un costo di circa euro.

    Poiché esistono anche i BD Printable, è possibile utilizzarli per creare dischi con una finitura estetica simile a quella dei dischi commerciali anche l'occhio vuole la sua parte Sconsigliamo invece le etichette autoadesive per due semplici ragioni: dopo qualche mese tendono a staccarsi e possono sbilanciare I masterizzatori Anche sfogliando i cataloghi on-line delle più importanti aziende di informatica è difficile trovare le pagine che descrivono i masterizzatori Blu-ray, poiché in Italia questi dispositivi non sono ancora molto richiesti.

    La situazione migliora quando ci si rivolge a un negozio su Internet, come Eprice o Computer Discount, dove è facile acquistare, spesso a prezzo scontato, un LG, un Lite-On o un Pioneer. Attenzione a valutare attentamente questo parametro, poiché non sempre viene rilevato nelle stesse condizioni operative: il valore cambia infatti dalla modalità CAV velocità di rotazione costante del disco a quella CLV velocità lineare costante dei laser. Un'altra caratteristica da considerare è la dotazione software: solo alcuni modelli sono infatti commercializzati con tutti gli applicativi necessari alla masterizzazione e alla creazione di film in Blu-ray.

    Largomento prezzi è sicuramente quello più delicato, poiché è facile trovare non solo prodotti con prestazioni simili ma anche gli stessi modelli a prezzi sensibilmente differenti. Mentre scriviamo questo articolo per esempio, il LaCie d2 Blu-ray Drive veniva venduto sul sito ufficiale dell'azienda a ben euro, mentre l'LG BE06LU1 0, che si differenzia per la mancanza dell'interfaccia FireWire, si poteva trovare da a euro circa.

    A prescindere dal masterizzatore che si acquista, ricordate che per sfruttarlo al massimo con tutti i dischi vergini, è essenziale aggiornare frequentemente il firmware. Questo software, memorizzato all'interno del dispositivo, gestisce infatti tutte le sue funzioni, compresa la velocità di scrittura e la potenza del laser. Nel firmware vengono inoltre salvate le caratteristiche dei supporti più diffusi, in modo che l'unità sia in grado di scegliere sempre la migliore strategia di scrittura.

    Per scaricare gli aggiornamenti è preferibile consultare il sito del produttore. Infatti, scaricando un firmware non originale per esempio quelli che disabilitano la protezione relativa al codice regionale dei film , reperibile su siti indipendenti come www. Linstallazione degli aggiornamenti comunque è facilissima, basta lanciare una semplice utility, confermare l'operazione e attendere pochi minuti.

    La suite Nero 8 di Ahead è sicuramente quella più versatile e completa nei negozi dovrebbe arrivare in questi giorni la nuova versione 9, ulteriormente potenziata. Si compone di una ventina di programmi indipendenti che possono essere gestiti tramite il menu di Windows oppure per mezzo di StartSmart. Quest'ultimo consente anche di lanciare direttamente i lavori d'uso comune masterizzazione dati e audio, codifica in MP3 e copia di dischi.

    Il punto di forza di StartSmart è sicuramente la versatilità e la facilità d'uso. Basta infatti scegliere il gruppo di opzioni desiderato Ripping e masterizzazione, Crea e modifica, Home Entertainment ed Esegui backup e fare un clic sull'operazione da compiere.

    Se per esempio si desidera riportare su un disco BD le riprese effettuate con una videocamera HD è sufficiente scegliere la scheda "Crea e modifica", fare un clic su "Crea, modifica e Acquisisci video" per veder comparire l'opzione "Crea disco Blu-ray" di Nero Vision 5. Per concludere è utile sottolineare come, nonostante siano aumentati i volumi di dati in gioco, gli standard disponibili e le possibili variazioni, le software house sono riuscite a rendere i programmi di masterizzazione più facili da usare mano a mano che progredivano le versioni.

    Infatti, è preferibile evitare prodotti di marche sconosciute per essere sicuri che non si degradino col tempo. La differenza tra la capacità proposta da Nero e quella scritta sulla coper- tina del supporto dipende dalla diversa unità di misura uti- lizzata: in base 1.

    Nero consente di inserire automaticamente la data della masterizzazione oppure quella relativa alla creazione della struttura del BD. Quando si masterizzano file memorizzati su un disco di rete è preferibile controllare che sia pre- sente il segno di spunta sull'opzione "Copia nella cache i file dal disco e dalla rete" presente nella scheda "Varie". Al termine scegliete la velocità di scrittura e premete il pulsante "Scrivi".

    Per quanto riguarda la velocità, con un disco riscrivibile da 25 Gbyte si è dovuto attendere 2 ore e 20 minuti compresa la verifica dei dati , un tempo sicu- ramente non indifferente. Fortunatamente, con un computer basato su un processore Intel Quad Core è stato possibile lavorare anche durante la masterizzazione. La durata Una delle domande ricorrenti quando si parla di archivia- zione dati su supporto ottico è quella sulla durata dei dischi. Infatti, quando si archiviano 50 Gbyte di informa- zioni importanti sarebbe veramente una sgradita sorpresa se, dopo qualche anno, i dati fossero illeggibili.

    Tutte le aziende più importanti fanno dei test per valutare il degrado nel tempo dei propri supporti. Verbatim, per esem- pio, in laboratorio ha riscontrato una durata dei propri dischi superiore ai anni, anche se per un uso normale parla solo di una decina d'anni.

    Dopo questo periodo è consigliabile verificare la qualità dei dati e, se necessario, masterizzarli nuovamente. Esistono inoltre dei supporti studiati appositamente per l'archiviazione a lungo termine dei file importanti che garantiscono una maggiore durata. Ricordiamo che per allungare la vita dei dischi ottici basta seguire alcune semplici regole.

    In primo luogo non toccare mai la superficie del disco; inoltre, i contenuti vanno scritti sul lato della copertina con gli appositi pennarelli a base di acqua. Conservarli inoltre in un ambiente secco e buio, posti in verticale nell'apposita custodia. Bisogna assoluta- mente evitare di tenerli in luoghi esposti ai raggi del sole o ad alte temperature in auto, per esempio. I vantaggi offer- ti dal Blu-ray sono evidenti. Per chi è già pronto a saltare il fosso, proponiamo in queste pagine due passo a passo che spiegano come riversare i dati più importanti o le pro- prie creazioni multimediali su questi supporti.

    Esercitazioni passo a passo, soluzioni pratiche a problemi complessi, linguaggio semplice e diretto sono gli elementi distintivi della rivista, in edicola ogni 15 giorni.

    Con 20 pagine di idee e suggerimenti per imparare tecniche e trucchi da esperti, Computer Idea è'Tamico esperto di informatica" da consultare come e quando vuoi. Semplice, pratica, tutta in italiano.

    Si parla di cache anche nel caso di memoria temporanea per dati in uso da parte delle applicazioni: in questo caso la cache si appoggia sia alla me- moria RAM sia allo spazio disponibile sul disco fisso, dove crea dei file temporanei di appoggio. Meccanismo utilizzato sui siti Web per verificare che il compilatore di un form sia un umano, e non un sistema automatizzato un bot. Default Significa "Prede- finito" e di solito indica tutte le opzioni che sono preim- postate dal software al mo- mento della sua installazione.

    Javascript Linguaggio di programmazione sviluppato specificamente per Netscape Navigator, ma che funziona anche con altri browser.

    Consente l'esecuzione di procedure interattive all'interno di documenti HTML. PDA Acronimo inglese che significa "Assistente digitale personale". Dispositivo portatile che combina funzioni di calcolatore, telefono, fax e collegamento alla Rete.

    A differenza di molti computer portatili, ha in dotazione una penna utile per l'inserimento dei dati quindi prevedono uno strumento per il riconosci- mento della scrittura. Detto anche "Pocket PC". Splashscreen Immagine che appare quando un programma è in fase di caricamento. In questo numero. Ma non fatevi spaventare e osate sempre: d'altronde anche sbagliando si impara. La storia dei browser è nota: il capostipite è Netscape, il monopolista è Internet Explorer, l'alternativa open source è Firefox, il nuovo outsider è Google Chrome.

    Opera, invece, è il programma di navigazione che esce completamente dagli schemi. Giunto alla versione 9.

    Tanto che molti lo considerano il programma più "maturo" dell'intera categoria.

    Applicazione WhatsApp Business

    Altra cosa che non guasta: appare anche raffinato ed elegante. Ve ne accorgerete in queste pagine. Per prima cosa viene proposta un elenco di collegamenti, che avviano tutorial per prendere confidenza col programma. Visualizza Segnalibri Widget Strumenti? In automatico il programma propone solo alcune barre, non tutte. Fate in modo che compaiano quella di Stato, quella degli Indirizzi e la barra di Navigazione.

    Versoni per tutti Il browser Opera è liberamente scaricabile all'indirizzo Web www. Qui trovate molte versioni del programma, comprese quelle da utilizzare su cellulari e palmari.

    Inoltre potete scaricare gratuitamente plug-in e altri componenti aggiuntivi. Segnalibri Widget Strumenti? Ovviamente, visto che il programma è vergine, sono presenti solo alcuni collegamenti proposti dal produttore: Amazon, eBay, Kelkoo e Wikipedia. È comunque un buon modo per iniziare le peregrinazioni on-line. È possibile impor- tare link da molti browser noti.

    Soluzione scomoda. Incollate i link nella directory principale. Probabil- mente ognuno ha la sua "start page" pre- ferita. Nella fine- stra che si apre, inse- rite il nuovo URL nel campo "Pagina inizia- le".

    Come potete osservare, nella stessa finestra è possibile impo- stare la lingua dell'interfaccia e le modalità di gestione delle fine- stre pop-up. Perché non inserirle una volta sola, e lasciare poi che sia Opera a scrivere nome, cognome, e-mail al posto vostro? In "Permetti a Wand In parole povere, per cercare la voce Tucows con Yahoo! In auto- matico si aprirà il sito di Yahoo! Comodo, no? Date un'occhiata alla cartella Avanzate nel menu Preferenze: grazie alla voce Navigazione è possibile deci- dere quanto tempo far tra- scorrete prima di visualizzare sullo schermo la pagina pre- scelta.

    A che serve, questa opzione? In pratica, quando si carica- no pagine particolarmente pesanti, o piene, il browser offre una parte dei contenuti, per non perdere tempo. Oltre a stabilire cosa fare delle immagini animate e delle musiche di sottofondo ai siti, i più esperti potranno stabi- lire come gestire le finestre con codice JavaScript. In caso di dubbio, non modificate le impostazioni di default.

    Al limi- te, prevedete solo l'abilitazione del clic con il tasto destro per avviare gli script. Nell'immagine che vedete, abbiamo sostituito l'applicazione destinata a gestire la posta elettronica: il client di default di Opera ha lasciato il posto a Eudora.

    Interessante la possibilità di gestire la posta con un client diverso da quello utilizzato correntemente per il download. In questo caso scegliete la voce "Apri con un'altra applicazione" e sfogliate il disco rigido alla ricerca del programma desiderato. In linea di massima, comunque, le impostazioni sono pressoché complete, e non serve alcun inter- vento dell'utente.

    Dopo una prima fase di training, la soluzione risulta assai comoda. Una finestra di opzioni avanzate, poi, con- sente addirittura di modificare ritmo e volume del comando voca- le. Inoltre, se si dispone di una macchina piuttosto potente e con molta RAM è possibile selezionare, in "Accuratezza riconoscimen- to", il livello più alto. A parte il fatto che opera dispone di browser m specifici per questi dispositivi, basta un collega- mento Bluetooth per sincronizzare liste di segnalibri, indirizzi di posta e via dicendo.

    Selezionate le barre che volete vengano riproposte all'avvio. Stranamente di default non sono presenti la barra di visualizzazione e quella di navigazione: conviene selezionarle, sono le più utilizzate. Nella voce Avanzamento è possibile scegliere come visualizzare e disporre le pagine Web, nel caso se ne aprissero più contemporaneamente. Per aggiungere o togliere pulsanti basta trascinare un elemento, nell'uno o nell'altro senso.

    Si apre una finestra che, ovviamente, è vuota. Per riempirla, andate in "Aggiungi" e inserite l'indirizzo di un sito che volete mettere al bando. Al termine dell'o- perazione, provate a collegarvi a uno dei siti bloccati: Opera resti- tuirà un messaggio di errore. In caso di problemi, propone il blocco del download. È interessante notare che, se il server contattato lo permette, è possibile riprendere download interrotti senza dover ripetere l'intero processo. In realtà offre molte opzioni avanzate: dall'antispam ai filtri personalizzati.

    I figli sono sempre più svegli, curiosi, abituati a viaggiare in Rete con maggior disinvoltura e bravura, a volte, dei genitori. A volte troppa disinvoltura. Se siete un genitore e non potete affian- care i pargoli nelle sessioni on- line, installate sulla macchina un software che li proteggano da contenuti pericolosi, o scabrosi. In questa pagina vi suggeriamo di installare Naomi, un program- ma di parental control sui gene- ris: contrariamente a quanto avviene con altri software simili, non si basa su librerie preesi- stenti o aggiornabili, ma gestisce le operazioni di filtro attraverso l'analisi dei contenuti.

    Infatti, sul sito sono disponibili fil- tri specifici da aggiungere al pro- gramma di base. NAOMI 3. Dopo aver installato il software, si apre la pagina Web di introduzione all'ambiente. Contemporaneamente, a conclusione dell'operazione, dovete inserire una password che servirà per gestire l'eventuale disinstallazione del programma o lo sblocco del filtro.

    Secondo la London School of Economics, il novanta per cento dei bambini dagli otto ai sedici anni ha visto contenuti. Nella maggior parte dei casi, l'accesso ai siti è stato casuale.

    L'unica operazione possibile è la sospensione, momenta- nea, dell'operazione di controllo. Eppure conviene lasciarla sempre visibile.

    In caso contrario, infatti, risulta complicato accedere direttamente al programma: si dovrebbe ricorrere di nuovo ali installer, visto che del programma non si troverebbe, nel sistema, alcuna traccia. A questo punto il programma è pronto. La strada maestra per la sicurezza dei dati è assolutamente il backup: sia esso in forma di immagine completa del disco, sia la messa in sicurezza dei soli file più importanti.

    Il mercato offre moltissimi programmi salva-dati, commerciali e shareware. In queste pagine vi proponiamo invece un programma completamente gratuito, ma altrettanto efficace. Si chiama Macrium Reflect: vediamo come funziona. Al momento dell'installazione, dovete sottoscrivere le condi- zioni d'uso personale, non commerciale del programma. Non sono richiesti dati personali di alcun genere. Sono ancora riproposte le condizioni di utilizzo, il numero di licenza e il link al sito del produttore, per eventuali aggiornamenti.

    Non è previsto, per questi, una procedura automatica. Bri Eccovi nell'am- biente princi- pale di Macrium Reflect. Avviate la procedura di copia dei dati, grazie al menu Backup. Una procedura guidata mostra i vari passaggi da compiere, e tutte le memorie presenti sulla macchina. Selezionate, prima di tutto, il disco di partenza. Come potete osservare, occorre scegliere tra tre opzioni diverse. Tra queste c'è anche la possibilità di utiliz- zare una memoria remota, raggiungibile attraverso un percorso di rete LAN.

    Uie the imafft m os the Tilt name. Come sempre, è opportuno creare una cartella specifica, con un nome significativo, per ritrovare facilmente i dati in caso di bisogno. Windows pageTlle in-d juspend to disk rtlbernatton] Tlles art notcopled. Thls reducej the irraggine ariti backup tirine.

    La seconda Make exact copy esegue una copia di tutto il sistema, compresi gli spazi vuoti. Controllate la finestra di riepilogo e premete "Finish". Nella finestra che si apre, la seconda opzione Enter a fixed file size permette di dividere l'archivio in più parti, nel caso aveste deciso di effettuare il backup su memorie frazionate per esempio più CD o DVD.

    Per avviare la copia, basta un clic su "Run this backup now". Una finestra chiede di indicare quando avviare il processo, programmandolo nel tempo. Nel la sede centrale del Credit Lyonnais, la maggior banca di Parigi, fu colpita da un incendio.

    L'amministratore di sistema fece irruzione nel palazzo in fiamme, perché non aveva conservato copie di backup dei dati fuori dall'edificio. Ciononostante, tutti i dati andarono persi. In ogni caso, l'impatto sulle prestazioni è ridotto.

    Creale Une hip Wizard frustino. Vnlurnr Sn apihnt Rp. L 11 Al completamento del processo, viene visualizzato il tempo impiegato. Non tenete conto delle segnalazioni intermedie il sistema indicava ancora un'ora per il completamento quando mancavano poco più di 4 minuti alla conclusione! Larchivio generato, in termini di dimensioni, è paragonabile a quello prodotto con pacchetti di Acronis e Paragon.

    Si aprirà la procedura per il controllo dell'affidabilità dell'archivio prodotto. Nella finestra che appare, premete "Next". Ovviamente que- sta seconda operazione ha senso solo se effettuata immediatamente dopo quella di backup. Prima dell'avvio della macchina, assicuratevi che il BIOS sia impostato per avviare il computer da disco. MTid lirfc lugmUniui J. Nella schermata qui riprodotta, fate clic su "Advanced", poi mettete un segno di spunta su "Compatibility mode".

    State bene attenti a m scegliere il disco giusto generalmente "C:". Fate clic su "Next". Schedule - "test Computer-Idea. Fate clic sull'ico- na dell'orologio, quindi impostate frequenza e modalità desiderate.

    L'esigenza di monitorare ambienti a distanza, per esempio per controllare un bambino che dorme nell'altra stanza, è sempre stata risolta in modo professionale e costoso oppure approssimativo. Fino all'avvento delle Web cam a basso costo e alla diffusione dei collegamenti a banda larga. In tal modo, installare un sistema di monitoraggio video per la propria casa, con le immagini accessibili via Web mentre si è in ufficio, è un'operazione ormai alla portata di tutti.

    In queste due pagine vedremo come installare e utilizzare il programma gratuito Home Camera. Collegatevi al sito www.

    Non è necessario fare clic sul link per certificarsi. Fate clic su "Login". È possibile gestire diverse Web cam in sequenza. Per ognuna, nello stesso menu, scegliete "Setup camera" Camera settings e definite nome, descrizione e modalità di utilizzo, scegliendo la vostra camera video tra quelle disponibili.

    In attesa di una più accurata messa a punto, l'opzione è disabitata. AlluwhibemafccMandby periodo di inattività. Questo accade in default in base a tempi e parametri Cancel 1 OK scelti dall'utente. Il program- ma consente di effet- tuare uno scanning periodico, aggiornan- do le schermate; è necessario dispor- re di una buona macchina per otte- nere risultati soddi- sfacenti.

    Il sistema mette inoltre a disposizione un help in linea e perfino l'assistenza telefonica: servizio del tutto gratuito. Createne uno personalizzato, con tanto di filmati Flash. Merito del salva- schermo: un programma che proietta sul monitor immagini in movimento. Più che utile nei vecchi monitor CRT l'inattività poteva portare al danneggiamento di aree dello schermo; gli LCD non ne hanno bisogno è certamente divertente, un tocco di colore. Perché allora non sbizzarrirsi con immagini, testi e, meglio ancora, filmati Flash?

    In queste pagine vi spieghiamo come utilizzate Instant Strom, un programma per creare un salvaschermo tutto vostro, con tanto di file di installazione: in tal modo potrete anche regalarlo agli amici. Al momento dell'avvio, il programma propone una finestra pop-up per creare un progetto personale o avviare un wizard con istruzioni passo a passo. InstantStorm elcometo Instantstorm 1. L'ambiente di lavoro è assai semplice. Nella prima finestra General inserite il titolo per il salvaschermo e, nella seconda riga, il file SWF Flash da inserire nel progetto, e da riprodurre in apertura dello screensaver.

    Inizia la fase creativa. Il primo passo della procedura gui- data permette di con- figurare la finestra che apparirà all'utente che vorrà installare il vostro screensaver.

    Scegliete un'immagi- ne: fate clic due volte sull'area grigia a sini- stra, o premete "Browse" per cercare la foto sul PC. Dovete necessariamente scegliere un'immagine BMP Bitmap. Licerne agreement text file; If there stepwi is no licenze agreement file choscn r tini? Fate clic su "Add" in modo da aggiungere alla libreria di corredo dello screensaver ogni elemento desiderato: filmati Flash, foto, file di testo. Un clic su "Create" produce il file eseguibile finale, in pratica l'"installer"che permetterà a chiunque di installare il vostro salva- schermo sul proprio PC.

    I Ini Laii L3 Lus iti insta ri tstorm 1. Ali rigte rese ned. Presentava cortometraggi realizzati da scolaresche delle scuole medie. Il mondo di Internet è all'insegna della condivisione. Non sempre consapevolmente. Capita spesso che gli scatti pubblicati sul proprio blog vengano "presi in prestito" e finiscano altrove.

    Se volete marchiare le vostre foto, anche solo per far sapere a tutti che ne siete l'autore o volete pubblicizzare l'indirizzo del vostro sito, leggete queste quattro pagine: scoprirete cos'è e come si fa il watermarking, ossia come si applica una filigrana con i il servizio on-line Picnik, e con i programmi di fotoritocco The Gimp e Paint Shop Pro Photo X2.

    Per cominciare collegatevi quindi a www. Procedete, quindi, dopo aver fatto clic su una foto. Una volta aperta una fotografia, sono svariate le opzioni a disposizione.

    Quella che vi interessa, in questo caso, è "Modifica". Si trova sopra l'immagine, ed è la penultima icona sulla destra. Fate clic su "Modifica".

    Date il vostro consenso per spostarvi nella pagina in cui modificare la foto. A questo punto selezionate il foglio Crea: si trova proprio sopra alla vostra foto, a fianco di "Modifica". Una volta arrivati nella pagina Crea, selezionate lo strumento Testo. Sulla sinistra trovate il riquadro per inserire il testo: per includere il simbolo "Copyright", utilizzate una scorciatoia da tastiera.

    Se usate un computer con sistema operativo Windows, tenete premuto ALT e premete in sequenza 01 Se, invece, siete alle prese con un Mac, tenete premuto il tasto Opzione e premete "G". Di seguito potete scrivere il vostro nome o quel che preferite. Fate clic su "Aggiungi". Una successiva schermata vi chiederà di sfogliare i file presenti sul vostro computer; una volta individuata l'immagine, fate clic su "Open". Si tratta della grossa "A" che compare tra il gruppo di icone degli strumenti sulla sinistra dell'immagine sempre che non abbiate spostato il gruppo strumenti.

    Una volta selezionato lo strumento Testo, fate clic sul punto della foto in cui volete inserire il riquadro con la riga di testo. Potete anche compilare qualche campo extra, come la descrizione e, infine, inserire l'immagine in uno dei vostri album su Flickr!

    Purtroppo The Gimp non supporta scorciatoie da tastiera, quindi è impossibile aggiungere il simbolo di Copyright, ma due parentesi con una "e" nel mezzo, ovvero " e ", andranno bene. Quando avete finito, fate clic su "Close". Entrambe le scelte vanno fatte utilizzando la finestra sulla destra dell'immagine, con tutte le gradazioni e le cromie presenti nella parte inferiore della finestra e la voce Opacity più in alto.

    Save as Ternplate. L Save this image with a different nanne 5 Una volta ultimati i lavori sulla riga di testo, potete muoverla nella posizione che preferite. Per farlo, selezionate lo strumento "Move tool" dalla finestra di sinistra: si tratta dell'icona all'estrema destra nella seconda fila di strumenti, quella contraddistinta da quattro frecce. Trascinate il riquadro di testo nel punto della fotografia più adatto.

    Jpc Individuate la vostra fotografia sul computer e apritela. Volendo potete anche utilizzare il visualizzatore che compare ai piedi della schermata principale del programma, se non lo avete disattivato: permette di sfogliare le cartelle e i file presenti sul computer.

    Si tratta dell'im- magine con una "A". Fate clic sul punto dell'immagine in cui avete deciso di apporre il testo. Per regolare l'opacità utilizzate lo strumento apposito sulla destra, ovvero il rettangolo a scacchi a fianco del bottone Nessuno.

    Trascinate il blocco di testo dove preferite. Prima di chiuderlo, quindi, assicuratevi che tutto sia come piace a voi! Al contrario, fate clic su "Salva con nome" per creare un nuovo file.

    Poi spostatevi un altro sito Web, e fate clic con il tasto destro in un punto qualsiasi. Nel menu che appare, fate clic sull'ultima opzione: "Quote this page". Il cur- sore del mouse si trasfor- merà in una freccia, pron- ta per tracciare il perime- tro dell'area dello scher- mo da trasformare in immagine. Infine fate clic su "Cut out" per conclude- re l'operazione, e per sal- vare il file.

    Per evitarlo, potete applicare delle etichette alle intestazioni. Selezionate la e-mail, fate clic sull'intestazione con il tasto destro, quindi andate in "Etichetta". Potete utilizzate solo la posta elettronica? Nessun problema: unite le due cose, ossia ricevete i siti in posta. Come fare? Semplice, con il servizio on-line gratuito WebToMail. In pratica basta inviare una e-mail all'indiriz- zo send webtomail.

    Dopo qual- che minuto riceverete una nuova e- mail, contenente nel corpo in HTML la pagina richiesta. Beh, guardando un filmato inserito su YouTube parrebbe i proprio che questo sia possibile.

    In realtà, come vedremo, si tratta di una bufala. I telegiornali e quotidiani ci hanno creduto fin da subito e, senza effettuare nessuna verifica, hanno accusato i telefonini e i sistemi di comunicazione wireless di essere dannosi per la salute.

    Questo non è il primo e c'è da scommetterci che non sarà nemmeno l'ultimo degli attacchi estemporanei e "romanzati" contro l'inquinamento elettromagnetico prodotto da telefonini e dispositivi wireless.

    A scatenare nel nostro Paese l'ultima offensiva luddista nei confronti di questa tecnologia, ha contribuito anche il programma Report di RAI 3 che ha gettato benzina sul fuoco proponendo un servizio che denunciava i danni alla salute prodotti dal Wi-Fi.

    Il filmato in questione è andato in onda lo scorso 1 1 maggio: si trattava di un video realizzato dalla redazione del programma inglese "Panorama" e trasmesso in precedenza dalla BBC. A originare la polemica sono state soprattutto le sequenze nelle quali l'autore del servizio, il giornalista Paul Kenyon, faceva notare che la potenza della rete Wi-Fi presente in una scuola inglese era volte inferiore ai limiti di sicurezza stabiliti dalla legge ma tre volte superiore al segnale emesso da una stazione di telefonia mobile.

    E evidente che dal modo in cui simili informazioni Una Rete di "elettro-bufale" Vi Da tempo su Internet circolano varie bufale sull'elettrosmog. Mass media e personaggi pubblici le diffondono quasi sempre, irresponsabilmente o meno, facendole passare come notizie autentiche per solleticare l'interesse dello spettatore o del lettore.

    Si tratta infatti di una trovata per promuovere una marca di accessori per telefonini. Gli autori di questo spot hanno addirittura raccontato alla CNN come hanno realizzato il video: i pop-corn scoppiettanti sono stati preparati in precedenza e sono stati fatti cadere dall'alto sul tavolo dove erano disposti i cellulari. Attraverso un'operazione di fotoritocco sono stati eliminati i chicchi originali per dare l'impressione che il mais fosse cotto dalle onde dei cellulari.

    Questo post è stato anche oggetto di una civile discussione tra il giornalista informatico Paolo Attivissimo, esperto nello smascherare truffe on-line, e lo stesso comico genovese. Il secondo ha invece ribadito, anche durante la trasmissione radiofonica condotta dallo stesso Attivissimo, che il post incriminato riportava un fatto vero.

    Come si crea e si misura un campo elettromagnetico? Andreuccetti dal 1 è responsabile della linea di ricerca dedicata alla Protezione dai campi elettromagnetici a bassa frequenza, radiofrequenza e microonde. Dottor Andreuccetti, telegiornali e quotidiani parlano spesso di "elettrosmog", ma che cosa significa questo termine?

    Il campo elettromagnetico è una cosa ben diversa dallo smog, perché non è permanente, ma esiste finché rimane accesa la sorgente che lo produce, si diffonde nello spazio in modo ben definito e noto a priori, non è soggetto agli agenti meteorolo- gici né interferisce negativamente sulla catena ali- mentare come invece fa l'inquinamento atmosferico".

    Quindi cosa è un campo elettromagnetico? Come si misura l'intensità di questo fenomeno? Non si deve fare confusione tra intensità e frequenza.

    Windows Live Messenger 8 [Thread Ufficiale] [Archivio] - Pagina 34 - Hardware Upgrade Forum

    Quest'ultima, che si misura in Hertz, indica quanto rapidamente varia l'intensità del campo nel tempo. Occorre ricordare che un aumento di frequenza non implica che il CEM sia necessariamente più pericoloso per la salute, ma indica soltanto che a determinati valori di Hz MHz GHz possono manifestarsi particolari fenomeni che devono essere considerati per valutare gli effetti del CEM sull'organismo dell'uomo o sugli oggetti esposti". Quali sono questi effetti? Nel caso di campi ad alta frequenza, questo effetto non c'è, ma se ne presenta un altro, perché le correnti provocano il riscaldamento dei tessuti biologici, come di molti altri materiali eventualmente esposti".

    A proposito di sicurezza, c'è una normativa che fissa dei limiti all'esposizione ai CEM? Gli stati e le organizzazioni internazionali utilizzano questi parametri come riferimento privilegiato per elaborare le norme di sicurezza.

    La Commissione europea si è ispirata alle indicazioni dell'ICNIRP per emanare nel 1 una Raccomandazione che suggeriva i criteri da rispettare per salvaguardare la salute della popolazione esposta ai CEM. In seguito, nel , la stessa Commissione ha approvato una Direttiva che invece fissa limiti meno restrittivi per i lavoratori esposti a campi elettromagnetici per motivi inerenti alla professione".

    Non esistono quindi leggi italiane in materia? La materia è disciplinata da due Decreti del Presidente del Consiglio dei ministri dell'8 luglio del , che prevedono dei limiti per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettromagnetici generati da elettrodotti e dai sistemi di telecomunicazione.

    Per gli elettrodotti, la normativa prevede che, nel caso di esposizione limitata nel tempo meno di quattro ore al giorno , l'intensità del campo magnetico non debba superare i 1 00 microtesla; questo valore scende a 1 microtesla per l'esposizione prolungata e arriva a 3 microtesla nel caso in cui si proceda alla costruzione di nuovi edifici nelle vicinanze di elettrodotti esistenti, o viceversa.

    Il luddismo è un movimento politico rivoluzionario fondato dall'inglese Ned Ludd alla fine del XVIII secolo, che vedeva nelle macchine la causa principale della disoccupazione e si opponeva al loro inserimento nel processo di produzione dell'industria tessile. Oggi con il termine di luddista si tende a indicare chiunque si schieri contro il progresso o l'innovazione tecnologica. Dopo la prima messa in onda del filmato da parte della BBC, il network aveva ricevuto una valanga di lamentele nelle quali il canale televisivo veniva accusato di aver lanciato un ingiustificato allarme contro il Wi-Fi.

    In seguito a queste proteste l'Editorial Complaints Unit ECU della BBC, l'ufficio preposto a ricevere e valutare le critiche degli spettatori sui programmi trasmessi, aveva sostanzialmente accolto i rilievi degli utenti neppure delle industrie del settore e diramato un comunicato ufficiale.

    Windows Live Messenger 2008

    In questo si affermava che l'impostazione fuorviante delle interviste fatte agli esperti aveva dato allo spettatore l'impressione che quella che era in realtà un'ipotesi fosse un fatto scientificamente accertato. Ricordo che il limite comunitario per il campo magnetico a 50 Hz è di 1 00 microtesla. La legge italiana fissa dei limiti più restrittivi di quelli europei? Per quelli dispersi da altre sorgenti, come i forni a microonde, i varchi magnetici antitaccheggio o i comuni elettrodomestici, i riferimenti sono quelli stabiliti dalla Comunità europea.

    Il problema principale delle nostre disposizioni nazionali sta proprio nell'impostazione, nel senso che fissare dei limiti diversi a seconda della tipologia di sorgente non ha molto senso dal punto di vista fisico, perché tali valori dovrebbero invece essere ancorati unicamente alle caratteristiche dei campi: intensità e frequenza". Nella vita di tutti i giorni è possibile riscontrare dei valori che superino i limiti fissati dalla normativa italiana per i campi elettrici? E per i campi magnetici?

    I bassi valori fissati per gli elettrodotti sono spesso superati nel normale utilizzo degli elettrodomestici. Sono valori superiori ai 10 microtesla stabiliti come limite massimo per l'esposizione prolungata al campo magnetico di un elettrodotto! In ogni caso, basta allontanarsi un po' per rientrare al di sotto del limite stabilito a livello comunitario, che è uguale al limite italiano per le esposizioni brevi. Nella maggior parte dei casi, a mezzo metro di distanza dalla sorgente si scende addirittura al di sotto di 1 microtesla".

    Personalmente ritengo che si tratti di pochi studi isolati e privi di valenza scientifica. Il metodo scientifico richiede infatti che le ipotesi sostenute vengano convalidate da più gruppi di ricerca indipendenti che ne dimostrino rigorosamente il rapporto causa-effetto. In questo caso l'esposizione deve protrarsi per molte ore al giorno e per molti anni.

    Occorre ricordare che, sebbene esistano elettrodotti in grado di portare continuativamente una corrente di A, tuttavia è improbabile che questo avvenga realmente per lunghi periodi continuativi.

    Uno studio dell'Istituto Superiore di Sanità del 1 aveva comunque valutato che sono più di In ogni caso il rischio per i minori di contrarre leucemia se esposti a un campo magnetico superiore agli 0,4 microtesla è ancora un sospetto, perché non è dimostrato al di là di ogni dubbio che i fenomeni osservati non siano dovuti ad altre cause". L'unica voce fuori dal coro era inoltre presentata come l'opinione minoritaria di un esponente partico- larmente "attento" alle esigenze delle multinazionali del settore.

    Inoltre, la trasmissione non aveva fornito alcuna notizia sugli studi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità OMS che, al momento, escludono che il Wi-Fi possa nuocere alla salute. Nella puntata di Report andata in onda dopo la presa di posizione dell'ECU non c'era alcuna traccia di queste contestazioni.

    Il messaggio veicolato è stato dunque questo: attenzione il Wi-Fi fa male! È una magra consolazione costatare che il nostro Paese si trovi in buona compagnia quando si tratta di osteggiare questo sistema di comunicazione: negli Stati Uniti alcuni genitori degli alunni della scuola elementare Oak Park School hanno fatto causa all'istituto perché hanno visto come fumo negli occhi l'installazione di hot-spot Wi-Fi nelle aule.

    In Francia, quattro biblioteche di Parigi hanno deciso di smantellare il network wireless in seguito alle proteste di associazioni ambientaliste e di alcuni dipendenti che avevano accusato nausea e vertigini dopo l'installazione della rete.

    In Gran Bretagna molti istituti scolastici la scuola superiore di Chichester, quella di Stowe House nella contea del Buckinghamshire e il comprensorio didattico di Ysgol Pantycelen nel Galles hanno rimosso il network Wi-Fi in seguito alle lamentele dei docenti e dei genitori degli alunni. Al di là di questa diatriba, resta il fatto che oggi ci siano molte persone che accusano disturbi alla salute quando si trovano all'interno o in prossimità di un campo elettro-magnetico.

    Computer Idea ha rivolto qualche domanda a Paolo Orio, veterinario e soprattutto uno dei fondatori dell'ente. Quali sono gli scopi dell' AIE? Quali vantaggi comporta il riconoscimento da parte dell'OMS? Il riconoscimento consentirebbe di mettere a punto terapie strutturate, di affinare prognosi e diagnosi e di formare il personale medico sanitario in modo da fornire la migliore assistenza a tutti coloro che soffrono di questa malattia.